Il soccorso delle parole

La inaspettata irruzione del  Covid 19 nelle nostre vite ha sconvolto la microprassi delle  nostre abitudini   quotidiane,  costringendoci a radicali cambiamenti  nei rapporti con il prossimo,   nella  pratica del  lavoro e del tempo libero, ma soprattutto nel modo di sentire e progettare  il futuro.  La necessità di confrontarci con questa  entità invisibile e sconosciuta, eppur così prepotentemente letale, ha messo a nudo molte certezze, in particolare  la capacità dell’uomo di  poter dominare la natura e gli eventi,  riportandoci  indietro nel  tempo, allo stupore ed alla paura che pervadeva l’umanità nel corso dei grandi flagelli epidemici del passato.  Ci siamo  interrogati sul significato reale della parola “progresso”, non sempre sinonimo di miglioramento, ma anche di regressione, se causa di uno sconvolgimento degli equilibri millenari della natura.  Si  sono venuti così a disegnare nuovi scenari a livello globale, portando  alla ribalta la necessità di una transizione ecologica,  di radicali cambiamenti nella  organizzazione del  lavoro, in una parola  nella progettazione del  futuro.  A fronte dell’obbligatorio allentamento dei contatti interpersonali si sono accentuate le opportunità offerte dalle tecnologie della informazione, destinate  a perpetuarsi negli anni a venire, quando (sperabilmente)  il pericolo sarà alle spalle, modificando comunque in maniera irreversibile le nostre modalità di comunicazione.

Deriva da queste considerazioni la raccolta di scritti pubblicati nel volume  “Il soccorso delle parole” (Orizzonti di senso durante la pandemia) a cura di Eide Spedicato Iengo e Massimo Palladini (Franco Angeli Editore).   L’intendimento dei curatori è stato quello di affidare a  studiosi  di varie discipline una riflessione sui i “cambiamenti di senso” delle parole più consolidate riguardanti l’abitare, il lavorare, l’apprendere, il comunicare, il rapportarci con l’altro.  Il libro si apre con una intervista di Maria Rosaria La Morgia (giornalista) a Francesco Sabatini (linguista e filologo) sul linguaggio come strumento del pensiero, e sulle modificazioni, spesso profonde ed irreversibili, ad esso apportate dagli eventi.   Gli scritti  (di Giuseppe Abate, Antonio Bini, Anouscka Brodacz, Licia Caprara, Nando Cianci, Simone D’Alessandro, Giovanni Damiani, Valentina De Matteis, Lia Giancristofaro, Giulia Palladini, Enrico Raimondi, Rosalba Spadafora, Pasquale Tunzi, e naturalmente dei curatori Massimo Palladini ed Eide Spedicato Iengo) che costituiscono il corpus dell’opera sviluppano successivamente un discorso plurale, che si interroga sulla incidenza  che la minuscola, invisibile, impalpabile, indecifrabile  particella del virus, raffigurata in forma di una “pallina illeggiadrita da fiocchetti  rossi”, ha avuto ed avrà sulle nostre esistenze.

A seguire un breve saggio contenuto nel volume di Eide Spedicato Iengo.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...